Sport e tempo libero

CITTADINANZA

Cittadinanza italiana

Il figlio di padre o madre di cittadinanza italiana è cittadino italiano per nascita.

I cittadini stranieri possono acquisire la cittadinanza italiana per:

  1. matrimonio;
  2. residenza in Italia;
  3. beneficio di legge;
  4. riconoscimento della cittadinanza italiana per discendenza;
  5. riconoscimento della filiazione.

 1) Acquisto della cittadinanza per matrimonio (art. 5 Legge 91/1992 e succ. mod.)
Viene concesso con decreto prefettizio.
Può presentare richiesta il coniuge straniero o apolide di un cittadino italiano, dopo il matrimonio, quando risieda legalmente da almeno due anni in Italia o da tre anni se residente all’estero.
Tali termini sono ridotti della metà in presenza di figli italiani. Al momento dell’adozione del decreto di concessione della cittadinanza non devono essere intervenuti scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e non deve sussistere separazione personale dei coniugi.

2) Acquisto della cittadinanza per residenza in Italia (art. 9 Legge 91/1992 e succ. mod.) viene concesso con decreto del Presidente della Repubblica:

Le domande per l'acquisto della cittadinanza italiana per matrimonio o residenza vanno presentate alla Prefettura di LA SPEZIA.

3) Acquisto della cittadinanza italiana per beneficio di legge (art. 4 Legge 91/1992) viene concesso dal Comune:

A) al discendente in linea retta (fino al secondo grado) di cittadino italiano per nascita, in presenza di uno dei seguenti requisiti:

B) allo straniero nato in Italia, che vi risieda legalmente e senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, previa dichiarazione entro un anno dal compimento del diciottesimo anno di voler acquistare la cittadinanza italiana. 

4) Riconoscimento della cittadinaza italiana per discendenza (jure sanguinis - art. 1 Legge 91/1992).

Lo straniero discendente da cittadini italiani emigrati all’estero, che voglia ottenere il riconoscimento del possesso ininterrotto della cittadinanza italiana “jure sanguinis” deve rivolgersi: